Questo sito rilascia cookies tecnici per consentirne il funzionamento, oltre a cookies, anche di terza parte, di 'analytics' per fare statistiche sul traffico ed attivare il miglioramento. Cliccando su "Conferma Scelte", acconsenti all’uso dei cookies qui sotto proposti o da te selezionati. Cliccando su "Accetta tutti i cookies" li abiliti tutti. Per saperne di più

LEGALITA’, IL 23 MAGGIO A PALAZZO SPADA IL PRESIDENTE MARUOTTI PREMIA GLI STUDENTI PROTAGONISTI PER LA LEGALITA’.

Martedì 23 maggio, a Palazzo Spada, il Presidente del Consiglio di Stato Luigi Maruotti, nell’ambito del progetto sull’educazione alla legalità, nel ricordo dei giudici Falcone e Borsellino, vittime delle mafie, e dei tanti eroi civili della storia del nostro Paese,ha incontrato gli studenti per rispondere all’appello del Presidente della Repubblica per la piena condivisione ed attuazione dei principi fondamentali della nostra Costituzione.  
Il tema scelto quest'anno è stato: "La legalità come strumento di realizzazione personale. Il primo e indispensabile passo per contrastare l'ingiustizia è acquisire la consapevolezza di ciò che è giusto. Solo la consapevolezza di ciò che è giusto consente di reagire alle ingiustizie”.  
L’incontro, che si è svolto  il 23 maggio, a Roma, nella sede del Consiglio di Stato, Palazzo Spada,ha avuto inizio alle ore 9.00, con il concerto della banda dell’Arma dei Carabinieri nel cortile del Palazzo , proseguendo con i saluti del Presidente del Consiglio di Stato, Luigi Maruotti.
La manifestazione è stata condotta dalla giornalista Giorgia Rombolà, che ha introdotto i lavori presentati dagli istituti scolastici.
Nel corso della mattinata sono intervenuti anche Marco Bisogni, componente del Consiglio Superiore della Magistratura e sostituto Procuratore presso la Direzione distrettuale Antimafia di Catania; Gian Giacomo Palazzolo, sindaco di Cinisi e membro laico del Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa; Giulio Veltri, consigliere di Stato ed Antonio Salvia, figlio di Giuseppe, vicedirettore dell’ex carcere di Poggioreale di Napoli, ora Casa circondariale “Giuseppe Salvia”. L'attrice Vittoria Puccini ha letto alcuni brani significativi per le parole chiave: legalità, libertà e dignità. Si è proceduto , quindi, alla premiazione dei lavori dei tre vincitori selezionati per questa edizione, tra cui i nostri studenti Riccardo Bruno e Chiara Pasculli della 5Bafm , accompagnati dalla docente vicaria Mariaelena Pezone e dalla docente referente del progetto Maria Del Grande.
 
La cerimonia si è conclusa alle ore 12.35 con il coro di voci bianche dell’ Istituto comprensivo “Virgilio” di Roma.